mercoledì 8 maggio 2019

Deliziosa tentazione. Un’avventura d’amore e desiderio con la babysitter (J. Rossi)

Mila è una giovane - di età non meglio definita - che lavora al bar di un locale in cui si balla la lap dance. Suo fratello Julian è in un letto d'ospedale tenuto in vita dalle macchine a seguito di un brutto incidente stradale e visto che la degenza è costosa, molto costosa, Mila decide di guadagnare qualcosina in più ballando la lap dance nel locale in cui lavora.
La prima sera di esibizione entra per caso (ed è la sua prima volta, dice) un ricchissimo signore di un'età non meglio definita che la vede ballare mezza nuda e un po' impacciata: resta folgorato, decide che deve essere sua e solo sua, farà del tutto per averla e sente che di lei si può fidare tanto da andarla a cercare, il giorno dopo, per affidarle un lavoro come babysitter per sua figlia. Una figlia che adora e che è contesa con sua moglie, una donna molto particolare ed un po' fuori di testa, dalla quale sta divorziando. Avrà il divorzio, però, solo se fino al momento dell'apposizione dell'ultima firma non avrà storie con altre donne. E fino a quel punto problemi non ne ha avuti, dice. Con Mila la situazione si complica...

Storia assurda, personaggi assurdi, situazioni assurde per un libro che ho letto per la alla  Challenge Le quattro cavaliere dell'Apocalisse in quanto libro valutato con meno di tre stelline su Amazon.
Che mi potevo aspettare? Niente di meglio di ciò che ho trovato.

Nell'arco di un mese lei che si dichiara vergine passa dall'essere una barista acqua e sapone ad essere una ballerina di lap dance fino a diventare babysitter/amante di un uomo straricco che non fa nessuna fatica a darle le chiavi di una delle due Lamborghini parcheggiate in garage. Non fa fatica ad affidarle, completamente alla cieca e solo sull'istinto che probabilmente gli arriva dalla zona del cavallo dei pantaloni, la sua unica figlia. Ma non finisce qui. Nell'arco di un mese saranno riservate altra sorprese che non posso svelare per non spoilerare la trama anche se ho una gran tentazione di farlo!

Una fatica la fa, però, Julian (questo il suo nome): non riesce a tenere a bada i suoi istinti pur sependo che cedere potrebbe voler dire perdere sua figlia.
Lui è uno spocchioso (potrei avere tutte le donne che voglio! Ora le faccio vedere che vuol dire stare con un uomo vero! Di sicuro non avrà mai provato le sensazioni che solo io le faccio provare...), superficiale (ne è prova il modo con cui fa la scelta di far entrare quella giovane sconosciuta nella vita sua e di sua figlia) ma riesce anche ad essere tenero (con sua figlia soprattutto), appassionato (e su questo aprirò una parentesi bella grande) e pronto a fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per difendere le persone che ama.

Dopo nemmeno un'ora da quando conosce la figlia di Julian la piccina la chiama mammina e non vuole più staccarsi da lei.  Lei, Mila... non sono proprio riuscita ad inquadrarla. Va a vivere a casa di un uomo che non conosce, i suoi genitori non sanno niente di tutto ciò, sostiene di essere l'unica che si dà da fare per tenere in vita suo fratello ma poi, alla fine, sono i genitori che decidono di staccare la spina. 
Anche qui, finale assurdo che più assurdo non si può ma non dico altro!
Apprezzabile il legame fraterno che emerge, apprezzabile il suo impegno per guadagnare le cifre stratosferiche che improvvisamente servono per tenere in vita Julian ma la situazione generale non è credibile per niente. Irritante, direi!

Assurde anche le scene di sesso con descrizioni minuziose, per gli amanti del genere porno è la lettura giusta, ma del tutto fuori luogo nel contesto di una storia che vuole anche essere tragica (vedi il ragazzo in ospedale, vedi la bambina contesa tra padre e madre) e profonda.
Chiedo scusa ma certe cose non le reggo!!! Vorrei spoilerare... vorrei, ma non posso ;-)

Se anche volessi chiudere un occhio sulle scene di sesso, ma la trama? Il finale? Nell'arco di un mese succede di tutto, fino al miracolo finale su più fronti. 
La figura della moglie di lui non è migliore: lotta con le unghie e con i denti per avere l'affido esclusivo di sua figlia pur non amandola (e lo dichiara) solo per far dispetto al suo ex marito e spillargli più soldi. E' così attenta a comportarsi bene per avere l'affido esclusivo che finisce per aggredire Mila, rapire (o quasi) sua figlia e presentarsi all'udienza dal giudice in condizioni che mi hanno fatto davvero dire "...ma no, dai, non è possibile". Talmente attenda da rovinarsi con le sue stesse mani.

Ho apprezzato solo una cosa: nella presentazione su Amazon - dove l'ho scaricato con l'abbonamento Kindle Unlimited - è inserita la dicitura 
Questo è un romanzo romantico di 44.000 parole adatto per chi ha più di 18 anni che contiene scene esplicite. 
Almeno questo.
Per il resto: fermate questa donna, questa autrice intendo! E correggete gli errori, suvvia! Già la trama non si regge, i personaggi non si reggono, il finale non si regge... pure gli errori!!!

Ho cercato di contenermi nel mio giudizio perché, davvero, la tentazione di raccontare riga per riga e demolirla, parola per parola, è stata davvero grande. 

Ah, un ultimo appunto: l'erotismo è altra cosa!!!
***
Deliziosa tentazione. Un'avventura d'amore e desiderio con la babysitter
Josefina Rossi
240 pagine
Kindle Unlimited

2 commenti: