venerdì 5 settembre 2014

Paperino - Venerdì del libro

L'ometto di casa ha scoperto i fumetti. Per ogni cosa ognuno ha i suoi tempi e sceglie le sue modalità: lui ha deciso che sia arrivato il momento di leggere Paperino.
Lo so, non si tratta di una proposta originale visto che i fumetti esistono da tantissimo tempo ma per noi è una novità: a Natale una cara amica di famiglia ha regalato ai miei bimbi un abbonamento a Paperino. Ogni mese ne è arrivato puntualmente un numero che, però, ha attirato la loro curiosità solo in modo marginale.

Li ho sempre visti togliere il cellophane, dare un'occhiatina veloce e sistemarli ordinatamente in libreria ma senza che nessuno dei due ne prendesse mai in mano un numero per leggere qualche avventura.
Non li ho forzati. Non è mia abitudine forzarli nelle letture. Sono due bambini molto diversi tra loro per abitudini e passioni: mentre mia figlia è una gran lettrice e, in modo autonomo, sceglie cosa leggere e lo fa con piacere, l'ometto di casa è troppo impegnato a giocare in questo periodo. Durante l'estate la maestra gli ha assegnato un libro da leggere ed ogni volta che lo ha preso in mano aveva il muso lungo. Credo che ciò sia dovuto anche al fatto che lo vedeva come un obbligo e non come una scelta volontaria.

Non l'ho forzato troppo ma gli ho fatto capire che si trattava di un compito assegnato per le vacanze e andava fatto: non ha letto con piacere e non ha preso nient'altro in mano durante tutta l'estate. Sua sorella ha letto sei, sette libri, lui giusto uno ed un fascicoletto allegato al libro degli esercizi. Punto. Ora che ha finito il libro delle vacanze, quello degli esercizi, da qualche giorno, gli ho suggerito di non starsene sempre a giocare ma di approfittare dei tanti libri che abbiamo in casa "...per tuo piacere e perchè leggere è importante" ma senza forzarlo oltre. Niente. Indifferenza più completa... fino a che...
Mercoledì è arrivato il numero di settembre di Paperino, puntuale come un orologio. Quando sono tornata da lavoro l'ho trovato con il fumetto in mano, seduto in modo composto sul divano con il giornalino tra le mani. "Mamma Paperino mi piace... l'ho letto tutto!". Io non ci ho creduto ma non l'ho dato a vedere... Non che fosse impossibile che in una mattinata lo leggesse tutto ma di solito il postino da noi arriva tardi, non prima dell'una. Io sono rientrata da lavoro attorno alle due ed il giornalino dava segni di essere stato sfogliato solo nelle prime pagine... L'ho comunque coperto di complimenti e gli ho detto che se avesse voluto leggere anche gli altri li avrebbe trovati al loro posto. Li ha presi e se li è messi accanto... Ieri l'ho trovato di nuovo con il fumetto in mano e ieri sera mi ha chiesto se, invece della lettura della buona notte ad alta voce avessimo potuto leggere ognuno il nostro libro sul lettone...

Potevo forse dire di no? 

Ha letto un po' poi si è addormentato. Nonostante le lamentele di papy che ritiene la nostra casa sempre troppo disordinata (...su questo avrei qualche cosa da ridire ma mi trattengo in questa sede), ho lasciato i fumetti sul comodino della cameretta in modo che possa averli a portata di mano e non doverli andare a cercare... spesso la necessità di "cercare" spegne la voglia di leggere. Averli a portata di mano - così come avere a portata di mano altri libri per casa - è un mio modo per favorire il loro interesse alla lettura... e devo dire che spesso funziona.

Nel merito del fumetto non credo che sia necessario dire molto, credo che lo conoscano tutti: personalmente non prendevo in mano un fumetto da anni e sfogliandone qualche numero ho notato che non sono pieni di pubblicità come mi sarei aspettata. Giusto qualche paginetta e niente più... positivo.

L'ometto di casa ha sette anni ed ha scoperto ora Paperino. A sua sorella, per sua stessa ammissione, i fumetti non piacciono, lei preferisce i libri con le storie "vere" (così dice) ma è una questione di gusti. Non ho criticato lei (anzi, le ho detto che ognuno è libero di fare ciò che ama e di leggere ciò che preferisce) ed ho cercato di non demotivare lui anche se palesemente cercava di farmi credere di aver "divorato" il fumetto. Libri e fumetti sono entrambi strumenti di lettura e non posso che essere contenta di vedere sia lui che lei con qualche cosa da leggere in mano... qualunque cosa sia... E poi... Paperino non ha età ed è sempre un ottimo compagno di avventure quando lo si incontra! Quack!!!

Per questo Venerdì del libro, dunque, la mia riflessione non riguarda un libro ma un fumetto... sempre di lettura si tratta. E voi, che esperienza avete con i fumetti? Li leggete ancora? O magari non li avete mai letti? Ed i vostri cuccioli?

14 commenti:

  1. Beh, tra i fumetti sono nato e cresciuto. E ancora sono parte integrante della mia vita. È sbagliato relegarli alla sola fanciullezza; ce ne sono in grado di far riflettere quanto e più di un libro.
    Un sorriso per il fine settimana.
    ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece devo dire di non essere stata una grande appassionata anche se di tanto in tanto circolavano anche in casa mia.

      Elimina
  2. I fumetti, praticamente le uniche forme di letture (insieme ai testi scolastici) di mio fratello piccolo e la passione di mio fratello grande, che poi, con l'età, è passato ai libri.
    IO: leggevo tutto, Topolino, Paperino, Tex e Dylan Dog compresi...e lo faccio ancora ogni volta che capito in casa di mia madre, dove è conservata la nostra collezione...in pratica tutte le settimane!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..che bello avere una collezione perfettamente conservata!

      Elimina
  3. Confesso di non aver mai letto con assiduità i fumetti da bambina. Ogni tanto Topolino più che altro, perchè lo leggeva mio fratello più grande. Ma da adolescente ho letto con un certo interesse Diabolik.
    I miei bambini invece non li leggono, almeno per ora, un pò la monella ha visto dei vecchi numeri di Topolino a casa di mia suocera.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io credo di aver letto solo Topolino. Onestamente non ricordo altro...

      Elimina
  4. Io ho imparato a leggere cn Paperino e Topolino, e così è stato per i miei figli. Tante volte li consiglio ai miei alunni meno "disponibili" alla lettura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...un consiglio sicuramente efficace!

      Elimina
  5. Sempre letti, di svariati generi. I miei preferiti sono stati i Peanuts, Asterix e alcuni giapponesi: Ranma, Lamù, Ushio e Tora, Proteggi la mia terra e Nana.Diciamo che in casa mia non mancano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...quelli giapponesi per me sono una novità assoluta...

      Elimina
  6. Da ragazzina leggevo Il Monello e ne avevo una piccola collezione; Peanuts è nelle mie corde. I fumetti sono letture che comunque invogliano i più piccoli ad avvicinarsi allal lettura poiché le pubblicazioni hanno molte immagini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Il Monello credo di non averlo mai letto...

      Elimina
  7. Non sono mai stata una grande fan dei fumetti, ogni tanto da piccola compravo Topolino ma piuttosto preferivo un libro, proprio come tua figlia. Comuque credo sia un bel mezzo per avvicinare i più piccoli alla lettura e poi so che la passione per i fumetti non passa con l'età: mio suocero è tuttora un super appassionato di Tex!
    Buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si... una passione senza tempo... Qui da me in fatto di letture è tutto in evoluzione in questo periodo... vediamo come saranno gli sviluppi... Ricordo che alle scuole medie l'insegnante di italiano, pur di far leggere qualche cosa ad un mio compagno di classe di allora, gli disse che andava bene anche La gazzetta dello Sport!

      Elimina